[op3_menu_render menu_id=’112′ uuid=’OSpTxvYu’ page_id=’12332′]MenuCloseHomeCorsiIpopressiviLo StudioAnche On-LineFitness-SaluteFitness DonnaFitness Post-partoIpopressivi dinamici (RSF)Gli addominaliSaluteFasi della vitaPubertàCiclo mestrualeGravidanzaIl giusto pesoPartoDepressione post partoAllattamentoPuerpuerioClimaterioMenopausaPatologieDiastasi addominaleIncontinenza e ProlassoPavimento pelvicoEndometriosiOvaio policisticoVescica iperattivaOsteoporosiMalattia autoimmuneMalattie cardiovascolariCeliachiaDiabeteDisturbi alimentariDisturbi del sonnoDisturbi d’ansiaContattiBlog[/op3_menu_render][op-opleads uid=’Ve0xVmr6L7NJ’]

Attività fisica: elisir di lunga vita

Svolgere regolarmente attività fisica è fondamentale. 

È stato scientificamente dimostrato, infatti, che affiancare regolare esercizio fisico a uno stile di vita dinamico e sano, fondato su corrette abitudini alimentari e comportamentali, concorre a prevenire patologie croniche, in particolare: cardio- e cerebrovascolari, osteo-articolari e metaboliche, come diabete e obesità, alcuni tumori.

Secondo i dati forniti dall’Organizzazione Mondiale della Sanità (2014) sono 3,2 milioni le persone che ogni anno muoiono nel mondo perché non abbastanza attive fisicamente: un adulto su tre non fa attività fisica a sufficienza per mantenersi in buona salute. L’inattività fisica è difatti il quarto principale fattore di rischio di mortalità nel mondo. Chi non si muove ha un maggiore rischio di morte del 20-30% rispetto a chi si muove almeno 30 minuti nella maggior parte dei giorni della settimana, e come sottolinea l’OMS, muoversi con una certa regolarità aiuta a ridurre il rischio di malattie cardiache, diabete, depressione e cancro al seno e al colon. In tal senso l’OMS raccomanda agli adulti almeno 150 minuti a settimana di attività fisica d’intensità moderata e ai bambini/adolescenti 60 minuti di attività moderata/intensa al giorno.

Dieci buoni motivi per essere “fisicamente attivi”

Mantenere in salute ossa, muscoli e articolazioniA tal punto è stato dimostrato che la pratica regolare di esercizio fisico migliora il tono e la forza muscolare, la mobilità articolare e la flessibilità, la densità ossea. Ciò consente non solo di contrastare l’instaurarsi di posture viziate, ma di prevenire efficacemente patologie tipiche della senescenza che sono ad alto impatto invalidante, quali osteoporosi e artrosi.Mantenere in salute cuore e arterieIl movimento migliora la performance cardiaca, garantendo un maggior afflusso di sangue nei distretti periferici e dunque una migliore ossigenazione di tutti gli organi. Inoltre concorre a mantenere la pressione arteriosa entro valori ottimali con indiscussi benefici, immediati e a lungo termine, svolgendo un’importante ed efficace azione preventiva verso lo sviluppo d’ipertensione arteriosa.Mantenere controllato il peso corporeo L’aumento del metabolismo basale e dunque del consumo energetico, prodotto dall’attività fisica, rappresenta il principale fattore di prevenzione per condizioni di sovrappeso corporeo e obesità, poiché riduce la massa grassa e incrementa quella magra. Inoltre diversi studi hanno evidenziato che il movimento influisce positivamente sui meccanismi che regolano il senso della fame e della sazietà.  Mantenere livelli ottimali di glucosio nel sangueÈ stato dimostrato che l’attività fisica influisce positivamente sui meccanismi deputati al metabolismo degli zuccheri, tanto che il sedentarismo rappresenta un fattore di rischio per l’intolleranza al glucosio e il diabete di tipo II (non insulino-dipendente).Abbassare il livelli di colesterolo nel sangueL’attività fisica influisce anche sul metabolismo dei grassi, in particolare aumentando la frazione di “colesterolo buono” e abbassando quella del “colesterolo cattivo”; ciò si traduce in una riduzione significativa del rischio di sviluppare patologie cardio e cerebrovascolari.Ridurre stress e tensioni, migliorare il tono dell’umoreL’attività fisica stimola la produzione delle endorfine, le sostanze che regolano il buon umore. Diversi studi hanno inoltre evidenziato che la pratica regolare di attività fisica contribuisce a prevenire patologie della sfera psichica, in particolare disturbi d’ansia e depressione.Migliorare l’efficienza delle funzioni cognitiveÈ stato dimostrato che l’attività fisica migliora le capacità di memorizzazione, concentrazione, pianificazione e organizzazione, consentendo così di conseguire un maggior rendimento sul piano lavorativo e scolastico.  Rallentare il declino fisico e cognitivoConsente così di affrontare al meglio, sul piano fisico e psico-emotivo, la senescenza.Prevenire alcune forme tumoraliIn particolare è stata dimostrata una correlazione tra attività fisica e tumore a colon-retto, mammella ed endometrio..Favorire un buon riposo notturno

Osservatorio Nazionale sulla salute della donna e di genere https://www.ondaosservatorio.it/  

Info CorsiClicca qui[op-opleads uid=’9oK2bBMj2EMy’]

PRIVACY

CONTATTI

MAPPA DEL SITO

© Copyright | PTSTUDIODONNA All Rights Reserved

Call Now Button