fbpx

Il ciclo mestruale

La mestruazione è lo sfaldamento del rivestimento dell’utero (endometrio) accompagnato da sanguinamento. Si verifica, in media, a cicli mensili, per tutto il periodo di fertilità della donna, tranne in gravidanza. La mestruazione ha inizio durante la pubertà (con il menarca) e termina in modo permanente con la menopausa.

Per definizione, il ciclo mestruale inizia il primo giorno di sanguinamento e termina subito prima del ciclo successivo, di norma dura da 25 a 36 giorni. Il sanguinamento dura da 3 a 7 giorni, con una media di 5 giorni.

Il ciclo mestruale è regolato da alcuni ormoni prodotti dall’ipofisi. Questi favoriscono l’ovulazione e stimolano le ovaie a produrre estrogeno e progesterone con l’obiettivo di preparare la donna ad una possibile fecondazione.

In funzione della produzione ormonale, si individuano tre fasi del ciclo mestruale:

  • Follicolare (prima del rilascio dell’ovulo)

  • Ovulatoria (durante il rilascio dell’ovulo)

  • Luteinica (dopo il rilascio dell’ovulo)

    Fase follicolare

    Questa fase inizia il promo giorno di sanguinamento e dura circa 13-14 giorni. Il rivestimento dell’utero (l’endometrio) è spesso e contiene liquidi e sostanze nutritive utili allo sviluppo dell’embrione. Se non avviene la fecondazione, i livelli di estrogeno e progesterone sono troppo bassi e gli strati interni dell’endometrio si sfaldano, sanguinano e danno origine alle mestruazioni. E’ in questa fase che l’ipofisi aumenta la produzione dell’ormone follicolo -stimolante, provocando la crescita di 3-30 follicoli. Ogni follicolo contiene un ovulo. Alla diminuzione dei livelli di questo ormone solo uno di questi follicoli continua a crescere e inizia a produrre estrogeno mentre gli altri degenerano. L’aumento di estrogeni prepara l’utero e stimola la produzione dell’ormone luteinizzante.

    Fase ovulatoria

    Questa fase inizia quando il livello dell’ormone luteinizzante raggiunge il picco e stimola la protrusione del follicolo dall’ovaio che viene rilasciato. Entro 12 ore dal suo rilascio l’ovulo può essere fecondato.

    Fase luteinica

    Questa fase comincia dopo l’ovulazione, dura circa 14 giorni ( salvo in caso di fecondazione) e termina con l’inizio del ciclo successivo. In questa fase, il follicolo rotto si chiude dopo il rilascio dell’ovulo e forma una struttura chiamata corpo luteo, che produce crescenti quantità di progesterone. Il progesterone secreto dal corpo luteo prepara l’utero per l’eventuale impianto dell’embrione e provoca l’ispessimento dell’endometrio, arricchendolo di liquidi e sostanze nutritive per il potenziale embrione. Il progesterone inoltre provoca l’ispessimento del muco cervicale, riducendo le probabilità che spermatozoi o batteri penetrino nell’utero. Il progesterone determina inoltre un lieve aumento della temperatura corporea durante la fase luteinica, temperatura che resta elevata fino all’inizio della mestruazione. Questo aumento della temperatura può essere utilizzato per stabilire se è avvenuta l’ovulazione. Per gran parte della fase luteinica, il livello di estrogeni è alto. Gli estrogeni stimolano, inoltre, l’ispessimento dell’endometrio.

Se avviene la fecondazione l’impianto dell’embrione, le cellule situate intorno all’embrione in fase di sviluppo iniziano a produrre un ormone chiamato gonadotropina corionica umana, che mantiene il corpo luteo e la sua produzione di progesterone fino a quando il feto non è in grado di produrre i suoi ormoni. I test di gravidanza si basano sulla rilevazione di un aumento dei livelli di gonadotropina corionica umana.

CONTATTI

MAPPA DEL SITO

© Copyright | PTSTUDIODONNA All Rights Reserved

Call Now Button