fbpx

Climaterio

La stagione fertile della vita femminile termina con l’ingresso in menopausa. Si tratta di un passaggio che non avviene all’improvviso, senza avvisaglie, ma gradualmente in un intervallo che varia da alcuni mesi a qualche anno e che si accompagna al progressivo calo della funzione ovarica. Questo periodo è chiamato climaterio. Le manifestazioni che lo caratterizzano variano da una donna all’altra, in termini di frequenza, intensità e durata, e comprendono:

  • Alterazione del ritmo mestruale: il ciclo tende ad accorciarsi/allungarsi con ritardi protratti fino a periodi di silenzio mestruale della durata anche di alcuni mesi; le mestruazioni possono essere più abbondanti/scarse; comparsa di perdite intermestruali (spotting). Tali alterazioni si accompagnano a ovulazione irregolare e ridotta fertilità.

  • Peggioramento dei sintomi premestruali: possono aumentare la ritenzione idrica, il peso in fase premestruale, il senso di gonfiore; possono inoltre accentuarsi l’irritabilità, il “bisogno” di cibi dolci, il nervosismo.

  • Disturbi del sonno: risvegli frequenti

  • Difficoltà di controllo del peso corporeo: è caratteristico l’incremento di grasso a livello addominale.

  • Instabilità emotiva: repentini cambiamenti del tono dell’umore, non necessariamente provocati da fattori scatenanti.

  • Vampate di calore: improvvisa sensazione di calore intenso, tipicamente localizzato al volto, al collo e al torace, seguita da profusa sudorazione e spesso accompagnata da tachicardia, incremento dei valori di pressione arteriosa, vertigini e nausea.

  • Disturbi vasomotori: vampate di calore accompagnate da sudorazione profusa e tachicardia (diurne e notturne).

  • Disturbi psichici: ansia, irritabilità, difficoltà di concentrazione, deflessione del tono dell’umore.

  • Disturbi uro-ginecologici:  riduzione dell’elasticità vaginale, maggiore sensibilità alle infezioni (cistiti), disturbi della minzione (urinare spesso).

  • Secchezza vaginale: dovuta alla progressiva riduzione della “naturale” lubrificazione vaginale, si manifesta con prurito, bruciore, dolore spontaneo e/o durante il rapporto sessuale.

  • Disturbi della sessualità: calo del desiderio sessuale, difficoltà di eccitazione, dolore nel rapporto.

  • Dolori muscolari e osteo-articolari.

  • Aumento del peso corporeo.

  • Alterazioni trofiche di cute e annessi: assottigliamento e aumento della secchezza della pelle, diradarsi dei peli e, talvolta, perdita di capelli.

L’attività fisica può giocare un ruolo importante per contrastare i disturbi tipici di questa fase della nostra vita:

  • Aiuta a mantenere il peso ideale e contrastare il sovrappeso. In menopausa, a causa del cambiamento dei livelli ormonali, il nostro metabolismo tende a rallentare e aumentiamo di peso più facilmente: l’esercizio fisico non solo ci aiuta a consumare le calorie in eccesso, ma, in associazione ad una dieta equilibrata, mantiene attivo il nostro metabolismo ed è utile a bruciare i grassi in eccesso.
  • Migliora la pressione arteriosa e agiamo positivamente sui livelli lipidici e glicemici presenti nel circolo sanguigno. Fare attività fisica aiuta infatti a ridurre il colesterolo totale, ad aumentare il colesterolo buono (HDL) e a ridurre i trigliceridi. Inoltre il movimento svolge un’azione favorevole sulla tolleranza agli zuccheri, riducendo il rischio di diabete. Tutti questi aspetti ci aiutano ad abbassare il rischio di malattie cardiovascolari
  • Rallenta l’invecchiamento di muscoli, ossa e articolazioni. I muscoli mantenuti in allenamento sono soggetti a lesioni in misura minore e garantiscono un ottimo supporto ad ossa e articolazioni durante il movimento. L’attività fisica contrasta inoltre la perdita di massa ossea, incrementa la densità delle ossa e previene in tal modo l’osteoporosi, mentre le articolazioni, grazie al continuo movimento, continuano ad essere lubrificate, rimangono più elastiche ed invecchiano più lentamente.
  • Riduce lo stress, preveniamo l’ansia e combattiamo l’insonnia. Con l’esercizio fisico aumentano infatti i livelli di catecolamine e di beta-endorfine, i cosiddetti “ormoni della felicità”, che svolgono un effetto positivo anche sull’umore.
  • Contrasta i principali disturbi legati alla menopausa come mal di testa, irritabilità e vampate di calore

CONTATTI

MAPPA DEL SITO

© Copyright | PTSTUDIODONNA All Rights Reserved

Call Now Button